L'assistenza societaria continuativa e generica è diretta ad assicurare il rispetto degli
adempimenti di natura prevalentemente formale da mettere in atto per la regolare vita dell’ente
societario in quanto tale, con riferimento alla forma giuridica in cui l’ente è costituito. A titolo
esemplificativo tali adempimenti possono essere individuati nell’assistenza per la convocazione
e la verbalizzazione delle assemblee ordinarie e delle riunioni del Consiglio di amministrazione,
la verifica della corretta bollatura e tenuta dei libri sociali, l’assistenza per il rinnovo degli
organi sociali. Non comprende la consulenza su eventuali operazioni straordinarie che la società
potrebbe mettere in atto, quali aumenti di capitale sociale, modifiche statutarie e operazioni
straordinarie.

Condividi su:





Quesiti relativi a Assistenza Societaria Continuativa e Generica

Notizie relative a Assistenza Societaria Continuativa e Generica


Circolari relative a Assistenza Societaria Continuativa e Generica


CIRCOLARE 75/2018: REDAZIONE E SOTTOSCRIZIONE DELL’INVENTARIO DELL’ESERCIZIO 2017

L’obbligo della tenuta del libro degli inventari è sancito sia dalla normativa civilistica che fiscale.

Soggetti obbligati in base alla normativa civilistica sono gli imprenditori che esercitano un’attività commerciale; da tale obbligo sono esonerati invece gli imprenditori agricoli e i piccoli imprenditori.

Ai fini fiscali devono in ogni caso redigere l’inventario le società, gli enti e gli imprenditori in contabilità ordinaria. Sono esonerati dall’obbligo fiscale i soggetti in contabilità semplificata.

Di seguito si fornisce un quadro di sintesi in ordine alla di redazione e sottoscrizione dell’inventario dell’esercizio 2017.

 

 

 

CIRCOLARE 76/2018: INVENTARIO FISICO DI MAGAZZINO DI FINE ANNO 2018

Entro il 31 dicembre 2018 va effettuato l’inventario fisico di magazzino riferito a detta data, che fa parte dell’inventario generale degli elementi attivi e passivi del patrimonio, previsto dalle norme del Codice Civile. L’obiettivo dell’inventario analitico è sostanzialmente quello di allineare le risultanze di un sistema affidabile di scritture contabili di magazzino alle effettive scorte di beni presenti in azienda.

Infatti, la tenuta di una regolare contabilità di magazzino consente di conoscere in ogni momento la consistenza dei vari articoli pervenendo a fine anno all’inventario contabile. Quest’ultimo, però, va controllato con l’effettiva ricognizione dell’esistenza delle merci nelle quantità indicate. Detta verifica assume particolare rilevanza in occasione della formazione del bilancio di esercizio, in quanto l’accertamento delle consistenze di magazzino precede la loro valutazione. In effetti le rimanenze rappresentano il risultato della valutazione delle scorte di magazzino la cui reale esistenza è stata accertata dall’inventario di fatto.

 

 

 

CIRCOLARE 77/2018: MODALITA’ DI TENUTA E CONSERVAZIONE DEI REGISTRI CONTABILI E DEI LIBRI CONTABILI E SOCIALI

L’imprenditore ha l’obbligo di dare evidenza dei fatti economici che hanno interessato la propria impresa commerciale.

Tale obbligo è sancito sia dalle disposizioni civilistiche che fiscali, che dispongono l’obbligo di tenuta dei libri contabili.

Di seguito si fornisce un quadro di sintesi concernente gli obblighi di tenuta e conservazione dei registri contabili e dei libri contabili e sociali.